Guida musica/Parte I/Capitolo 3/Pubblicazioni monografiche/Area della pubblicazione/Data di pubblicazione

Da GuidaSBN.
Home > Guida musica > Parte I > Capitolo 3 > Pubblicazioni monografiche > Area della pubblicazione > Data di pubblicazione
M4C Indicazione della funzione di distributore M4E Luogo di stampa o di manifattura
Il titolo di questa voce non è corretto per via delle caratteristiche del software MediaWiki. Il titolo corretto è Guida alla catalogazione in SBN – Musica.

M4D Data di pubblicazione

Per data di pubblicazione si intende la data riferita all’editore che normalmente appare sul frontespizio o nelle parti complementari della pubblicazione in esame. Si considerano date di pubblicazione le date di copyright (o di phonogram per le registrazioni sonore) oppure di stampa o manifattura quando si possono considerare equivalenti a una data di pubblicazione effettiva[1].

Non si considerano date di pubblicazione, invece, le date che compaiono in connessione con informazioni di tipo diverso (p.es. la data di rappresentazione, l’imprimatur o il deposito legale) o nel testo (p.es. in una dedica o prefazione).

*Sancta Maria, Virginum piissima : mottetto in onore della B. V. a quattro vici miste, accompagnamento ad libitum / del sac. G. Pagella. - Torino : Libreria salesiana editrice, [1904?]
In nota: Data della dedica in copertina

Encyc car Dit.svg [A] Per le pubblicazioni antiche si riportano anche il mese e il giorno, se espressi.

Se vi è più di un editore e la data si riferisce a tutti, questa si dà di seguito all’ultimo nome o all’ultima indicazione di funzione.

Chicago ; London : University of Chicago Press ; Milano : Ricordi, 1996

Headphone icon.svg [S] Nelle registrazioni sonore generalmente manca una data di pubblicazione ma possono essere presenti altre date: la data di copyright che si riferisce di solito alla documentazione testuale o grafica allegata, la data phonogram (o data di fonogramma o data di protezione, che si riferisce alla registrazione sonora e indica la data da cui decorrono i diritti del produttore discografico), la data di manifattura. Alcune di queste date possono essere compresenti.

Se il documento contiene più opere, ciascuna di esse può avere una propria data phonogram.

La data indicata in quest’area non può essere antecedente alla data di commercializzazione e/o invenzione del supporto[2].

Note

  1. Nella musica a stampa e in alcuni libretti spesso la data di stampa è indicata solo con le ultime due cifre dell’anno (78 = 1878 oppure 05 = 1905).
  2. Approssimativamente 1947 per i dischi in vinile; 1949 per i 45 giri; 1957 per i dischi stereofonici; 1964 per le audiocassette; 1965 per le audiocartucce; 1982 per i compact disc; 1998 per i DVD, etc.