Reicat/Parte III/Capitolo 16/16.1/16.1.2

Da GuidaSBN.
(Reindirizzamento da REICAT 16.1.2.1 B)
Home > REICAT 16.1.2.1 B
16.1.1. Nome prevalentemente usato 16.1.3. Enti subordinati o collegati ad altri
Il titolo di questa voce non è corretto per via delle caratteristiche del software MediaWiki. Il titolo corretto è Regole italiane di catalogazione.

16.1.2. Forme varianti di un nome

Sono considerate forme varianti di un nome quelle in lingue o scritture diverse e le variazioni grammaticali o grafiche. Dalle forme varianti non adottate si fa rinvio se la variazione è significativa per la ricerca.

16.1.2.1. Forme in lingue diverse

Se un ente si presenta o è comunque noto con nomi in lingue diverse si osservano i criteri che seguono. Dalle forme non adottate si fa rinvio.

16.1.2.1 A. Se l’ente si presenta comunemente con una forma italiana del proprio nome la si preferisce, anche se non è la forma prevalente.

Nazioni Unite
< United Nations
< Nations Unies
< Organizzazione delle Nazioni Unite
< ONU
< UNO
Commissione delle Comunità europee
< Commission of the European Communities
< Commission des communautés européennes
< Comunità europee. Commissione
Commissione europea
< European Commission
< Commission européenne
< Unione europea. Commissione
Biblioteca nazionale svizzera
< Bibliothèque nationale suisse
< Schweizerische Nationalbibliothek
< Biblioteca naziunala svizra
Bolzano
< Bozen
< Gemeinde Bozen
< Stadtgemeinde Bozen
Biblioteca regionale di Aosta
< Bibliothèque régionale d’Aoste
Società filologica friulana
< Societât filologjiche furlane
< Societât filologjche furlane
Società italiana di traumatologia dello sport
< SITraS
< Italian Society of Sports Traumatology

16.1.2.1 B. In mancanza di una forma italiana comunemente usata dall’ente stesso:

  1. per gli enti di carattere internazionale e per quelli di paesi e aree bilingui o multilingui, che usino abitualmente forme in lingue diverse, si sceglie secondo l’ordine generale di preferenza tra le lingue (par. 0.5.2);
  2. International Council on Archives
    < Conseil international des archives
    < Consiglio internazionale degli archivi
    (la forma italiana non è usata dall’ente)
    International Federation of Library Associations and Institutions
    < IFLA
    < Fédération internationale des associations de bibliothécaires et des bibliothèques
    < FIAB
    National Library of Canada
    < Bibliothèque nationale du Canada
    National Gallery of Ireland
    < Gailearaí Náisiúnta na hÉireann
  3. per gli enti di carattere nazionale che usino abitualmente nelle loro pubblicazioni più lingue, tra le quali quella del paese in cui hanno sede, si preferisce di norma quest’ultima;
  4. Universiteit Leiden. Universiteitsbibliotheek
    (l’ente usa spesso una forma del nome in inglese, Leiden University Library, Library of Leiden University, etc.)
    < Universiteitsbibliotheek <Leida>
    < Rijksuniversiteit te Leiden. Bibliotheek
    < Leiden University Library
    < Leiden University. University Library
    < University Library <Leida>
    < Academia Lugduno-Batava. Bibliotheca
    < Bibliotheca Universitatis Leidensis
    ma
    Bibliotheca Alexandrina
    (nome in scrittura latina usato dall’ente stesso, che ha carattere anche internazionale, insieme alla forma araba)
    < Maktabah al-Iskandariyyah = مكتبة الإسكندرية
    < Maktabaẗ al-Iskandarīyah
  5. per gli enti di qualsiasi natura che non usino abitualmente più lingue si adotta la forma usata dall’ente stesso nelle sue pubblicazioni.
  6. Société internationale Leon Battista Alberti
    < SILBA
    < Società internazionale Leon Battista Alberti
    (forma italiana che non risulta usata dall’ente)
    Société Rencesvals pour l’étude des épopées romanes
    < Société Rencesvals
    < Société internationale Rencesvals
    Gottfried-Wilhelm-Leibniz-Gesellschaft
    < G. W. Leibniz-Gesellschaft
    < Leibniz-Gesellschaft
    Italian Society for Computer Simulation
    (l’ente usa anche in italiano la forma inglese, che è la sua denominazione ufficiale)
    < ISCS
    < Associazione italiana per la simulazione con il calcolatore
    < Associazione italiana per la simulazione con il calcolatore elettronico
    (forme italiane usate occasionalmente dall’ente, in subordine alla forma inglese)
    Workshop on Electron Nucleus Scattering <1996 ; Marciana Marina>
    (nome di un congresso: cfr. il par. 16.1.6)

16.1.2.2. Forme in scritture diverse

Per i nomi in scritture diverse dall’alfabeto latino si adotta di norma, se possibile, la forma nel sistema di scrittura originale, insieme alla forma traslitterata o trascritta in alfabeto latino (cfr. i par. 0.5.3 e 0.5.4). Si fa rinvio dalle forme tradotte o adattate, comprese le traslitterazioni o trascrizioni varianti.

Gosudarstvennaja biblioteka SSSR imeni V. I. Lenina = Государственная библиотека СССР имени В. И. Ленина
< Gosudarstvennaâ biblioteka SSSR imeni V. I. Lenina
< Gosudarstvennaja biblioteka imeni Lenina = Государственная библиотека имени Ленина
< Gosudarstvennaja ordena Lenina biblioteka SSSR imeni V. I. Lenina = Государственная ордена Ленина библиотека СССР имени В. И. Ленина
< Biblioteca statale Lenin < Biblioteca statale <Mosca>
< Lenin State Library
Tōkyō Kokuritsu Kindai Bijutsukan = 東京国立近代美術館
< Kokuritsu Kindai Bijutsukan <Tokyo>
< National Museum of Modern Art <Tokyo>
< Tokyo National Museum of Modern Art
< Musée national d’art moderne <Tokyo>

16.1.2.3. Forme con varianti grammaticali

Se il nome di un ente ammette variazioni grammaticali, potendo essere espresso al genitivo o in altre forme flesse (in latino, tedesco, russo, etc.), si adotta la forma al nominativo. Se presenta altre varianti grammaticali si adotta la forma prevalentemente usata nelle pubblicazioni.

Kunsthistorisches Institut in Florenz
(nelle pubblicazioni l’ente può figurare nella forma al genitivo: p.es. Katalog des Kunsthistorischen Instituts in Florenz)
< Istituto germanico di storia dell’arte di Firenze
< Istituto tedesco di storia dell’arte di Firenze
Academia Latinitati fovendae
(nelle pubblicazioni l’ente può figurare nella forma al genitivo: p.es. Acta IX Conventus Academiae Latinitati fovendae)

16.1.2.4. Forme con varianti grafiche

16.1.2.4 A. Se il nome di un ente presenta varianti nella grafia si adotta la forma prevalente, facendo rinvio dalle altre. Per enti attivi in un lungo arco di tempo o il cui nome ha subito cambiamenti minori si preferisce la forma che prevale nelle pubblicazioni più recenti.

Siouxsie and the Banshees
< Siouxsie & the Banshees
Deputazione di storia patria per le province parmensi
< Deputazione di storia patria per le provincie parmensi
(forma usata in pubblicazioni meno recenti)

16.1.2.4 B. Se il nome di un ente presenta una o più parole in forma abbreviata, che si leggono come se fossero scritte per esteso, si può fare rinvio da questa forma.

St. Augustine’s Abbey <Canterbury>
< Saint Augustine’s Abbey <Canterbury>

16.1.2.4 C. Se nel nome di un ente due o più parole possono comparire sia staccate sia unite si adotta la forma prevalente, facendo rinvio dall’altra.

Sanremo
< San Remo