Norme musica non pubblicata/Capitolo 4/4.7/4.7.0

Da GuidaSBN.
Home > Norme musica non pubblicata > Capitolo 4 > 4.7 > 4.7.0
4.7.1 Note relative al titolo e alle responsabilità
Il titolo di questa voce non è corretto per via delle caratteristiche del software MediaWiki. Il titolo corretto è Norme di catalogazione delle risorse musicali non pubblicate.

4.7.0 Indicazioni generali

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi REICAT 4.7.0.

4.7.0.1 Elementi dell’area delle note

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi REICAT 4.7.0.1.

L’area può comprendere una o più note e si omette quando non vi sono informazioni da indicare.

Le note possono comprendere qualsiasi informazione che si ritenga utile fornire e non sia stata inclusa nelle altre aree (p.es. perché ricavata da fonti diverse da quelle prescritte o non rientrante nei loro elementi).

Le note sono facoltative, salvo quando prescritte dalle norme per le singole aree ed elementi o da quelle che seguono.

4.7.0.2 Fonti d’informazione prescritte

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi REICAT 4.7.0.2.

Gli elementi dell’area si possono ricavare da qualsiasi fonte, interna o esterna alla risorsa.

Non si usano parentesi quadre, salvo quando si riporta un dato che le richiede (p.es. nella citazione dei dati di pubblicazione del facsimile di un manoscritto).

4.7.0.3 Formulazione

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi REICAT 4.7.0.3.

Le note sono formulate dal catalogatore, in italiano, in maniera il più possibile concisa e chiara, impiegando espressioni uniformi per situazioni analoghe. Si usano le abbreviazioni indicate nelle norme generali o per le singole aree (vedi Appendice A - Abbreviazioni e simboli).

Informazioni trascritte da una fonte particolare, di norma precedute dall’indicazione della fonte stessa e dalla posizione all’interno della fonte, si riportano di solito come prevedono le norme generali o quelle relative all’elemento che viene citato (p.es. un’indicazione di presentazione). Di conseguenza, informazioni ricavate dalla risorsa sono trascritte in area 7 così come si presentano (p.es. in una lingua straniera) quando sono precedute dall’indicazione della fonte (p.es. In coperta: o Sul contenitore:), mentre vengono formulate in italiano, in maniera uniforme, se non sono precedute dall’indicazione della fonte.

Le note si dispongono, di norma, nell’ordine in cui sono presentate nei paragrafi che seguono. Per note dello stesso tipo si segue possibilmente l’ordine delle aree e degli elementi a cui si riferiscono o un ordine logico.

Più note possono essere combinate in una nota unica, quando lo si ritiene opportuno (p.es. se riguardano elementi della stessa area); informazioni distinte si separano in genere con un punto e virgola (non preceduto da spazio).

Le note qualificano e ampliano la descrizione formale quando le regole per tale descrizione non consentono di includere determinate informazioni. Possono quindi riguardare qualsiasi aspetto delle caratteristiche fisiche della risorsa e del suo contenuto.

Le note, per la loro natura, non possono essere enumerate esaustivamente, ma si possono dividere in categorie corrispondenti alle aree cui si riferiscono. Oltre alle note relative alle aree, si possono fornire note relative alla descrizione della risorsa che non corrispondono ad alcuna area specifica.

Quando una nota è obbligatoria ma i dati necessari non sono conosciuti dal catalogatore, se ne dà indicazione.

Nel redigere le note è preferibile attenersi a quanto presente nella fonte anziché elaborare commenti e deduzioni. È opportuno utilizzare una forma sintetica e trascrivere solo elementi strettamente significativi, omettendo p.es. titoli nobiliari o formulazioni estese.

È in genere preferibile riportare solo ciò che è presente senza sottolineare ciò che è assente, fatte salve diverse indicazioni normative.

4.7.0.4 Punteggiatura convenzionale

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi REICAT 4.7.0.4.

Le note sono separate l’una dall’altra da punto spazio, lineetta, spazio.

Se all’interno di una nota si riportano più elementi di descrizione li si separa per quanto possibile con i segni di punteggiatura convenzionale appropriati (escluso il punto, spazio, lineetta, spazio, che si sostituisce di norma con un punto e virgola seguito da spazio).

4.7.0.5 Indicazione di variazioni in risorse in più unità

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi REICAT 4.7.0.5.

Nelle note che informano della variazione di uno o più elementi tra le parti di una risorsa in più unità (cfr. p.es. i par. 4.1.2.6 B, 4.1.3.8 B e 4.4.2.4), di norma, si riporta il dato variante preceduto dall’indicazione delle unità cui la variazione si riferisce. Se si tratta di unità in successione (p.es. partiture in più volumi) si indica da quale decorre la variazione.

La variazione, tuttavia, si può indicare in forma generica:

  1. se i dati specifici delle singole unità sono riportati nelle relative descrizioni (cap. 5), oppure
  2. se le variazioni sono molto numerose e non si ritiene necessario riportarle dettagliatamente.

La decorrenza della variazione (o comunque il dettaglio delle unità interessate dalla variazione) si indica di norma:

  1. per le risorse composte di unità in successione, tramite la numerazione dei volumi (o altre unità);
  2. per le risorse composte di più unità dello stesso tipo (p.es. parti), tramite l’indicazione del mezzo di esecuzione cui la parte si riferisce.

L’indicazione della variazione si può omettere se le differenze sono costituite semplicemente da omissioni o dal solo cambiamento della denominazione dell’unità (p.es. la mancanza del titolo in una parte o il solo cambiamento del nome dello strumento).

4.7.0.6 Indicazione di relazioni con altre risorse

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi REICAT 4.7.0.6.

Nelle note che informano di relazioni tra la risorsa in esame e altre risorse pubblicate o non pubblicate (p.es. la risorsa originale nella descrizione di una risorsa derivata, un manoscritto che sia copia o nuova stesura rispetto a quello in esame, la pubblicazione derivata dalla risorsa in esame, la componente mancante di un manoscritto incompleto conservata altrove, o un’incisione che abbia utilizzato il manoscritto come fonte) si riportano, di norma, i soli dati necessari a individuare la risorsa citata: in genere il titolo, accompagnato da altri elementi se indispensabili, con i dati di pubblicazione nel caso delle riproduzioni o la collocazione in caso di risorse non pubblicate.

Nei sistemi che lo permettono la nota può essere affiancata o sostituita da un collegamento alla registrazione della risorsa in relazione. La nota non dovrebbe essere sostituita dal collegamento, però, se questo non permette di specificare la natura della relazione o altri dettagli utili a definirla (p.es. se non permette di specificare che la pubblicazione collegata è il facsimile del manoscritto in esame).