Norme musica non pubblicata/Capitolo 1/1.4

Da GuidaSBN.
Home > Norme musica non pubblicata > Capitolo 1 > 1.4
1.3 Modalità di composizione materiale 1.5 Modalità di descrizione
Il titolo di questa voce non è corretto per via delle caratteristiche del software MediaWiki. Il titolo corretto è Norme di catalogazione delle risorse musicali non pubblicate.

1.4 Tipi di emissione

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi REICAT 1.5.

Le risorse musicali non pubblicate possono essere realizzate in una sola parte o come multiparte, come finite oppure come continuative, ovvero destinate a chiudersi o a continuare, e possono esserre prodotte in una sola volta o in più riprese.

Una risorsa in una sola parte è una risorsa che viene prodotta come una singola unità.

Una risorsa finita è una risorsa il cui piano produttivo ha una conclusione predeterminata.

Una risorsa multiparte è una risorsa composta di parti distinte concepite, create, realizzate o organizzate come unità. Una risorsa multiparte può essere una risorsa monografica multiparte o un seriale.

Una risorsa continuativa è una risorsa che è realizzata nel tempo senza alcuna conclusione predeterminata. Le risorse continuative comprendono i seriali e le risorse integrative ad aggiornamento continuo.

1.4.1 Risorse monografiche

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi REICAT 1.5.1.

Una risorsa musicale non pubblicata ha carattere monografico se:

  1. è completa in una sola (unica) unità, oppure
  2. è completa in più unità realizzate tutte insieme o contemporaneamente, oppure
  3. è completa in più unità realizzate in tempi successivi, oppure
  4. è concepita o progettata per raggiungere il completamento o conclusione con la realizzazione di un certo numero di unità prodotte in successione.

1.4.2 Risorse seriali e risorse monografiche multiparte

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi REICAT 1.5.3.

1.4.2.1 Definizione

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi REICAT 1.5.3.1.

Una risorsa musicale non pubblicata ha carattere seriale se è costituita di un insieme di risorse indipendenti, realizzate di solito in tempi successivi, dallo stesso centro di produzione, con caratteristiche materiali omogenee e affinità di genere e facenti parte di una risorsa continuativa (in senso fisico e cronologico), di un progetto di produzione in più parti (pure in senso fisico e cronologico) o una risorsa reciprocamente integrata e in sé finita.

Il concetto di serie si usa soltanto quando tutte le componenti della serie o l’insieme di più risorse siano state realizzate intenzionalmente o dall’origine nella stessa unità complessiva, cronologicamente continua e fisicamente molteplice.

Sono esempi di serie il corpus dei manoscritti dei cosiddetti balletti di corte sabaudi redatti tra il 1640 e il 1681 in coincidenza con gli spettacoli di corte, come copie destinate alle Madame Reali di casa Savoia, conservati presso la Biblioteca Nazionale Universitaria di Torino, e le registrazioni delle prove di concorso ripetute sistematicamente in anni successivi oppure dei concerti di un festival o della stagione di un teatro.

Un insieme di risorse musicali non pubblicate ha il carattere di risorsa monografica multiparte se è stato concepito e prodotto come unità in un numero di parti fisicamente distinte, ma, a differenza delle risorse seriali, destinato a concludersi; le parti distinte possono presentare propri titoli e proprie indicazioni di responsabilità. Nessuna parte distinta è identificabile come primaria.

Sono esempi di risorse monografiche multiparte le prese di una registrazione e i successivi riversamenti, giuntature e modifiche effettuati fino alla produzione definitiva, o gli abbozzi, stesure successive, bozze e correzioni di una composizione, per giungere alla stesura definitiva.

Il concetto di serie e di risorsa monografica multiparte non si applica quando il collegamento fra gli elementi sia stato costituito a posteriori, e neppure nel caso di risorsa composita, di antologie o miscellanee.

1.4.2.2 Trattamento

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi REICAT 1.5.3.3.

Le serie possono essere trattate, a seconda delle esigenze, secondo due modalità:

  1. soltanto come elemento della descrizione delle singole risorse che ne fanno parte (par. 4.6), assicurando possibilmente l’identificazione e il recupero di tutte le risorse appartenenti a una stessa serie, oppure
  2. anche come oggetto di registrazione autonoma (collegata a quelle delle risorse che ne fanno parte), con una descrizione completa, analogamente alle risorse seriali pubblicate, o limitata agli elementi essenziali per la loro identificazione e con l’assegnazione del titolo uniforme e delle relazioni appropriate.

Per il trattamento delle risorse multiparte, vedi il cap. 5.